top of page

CLAFOUTIS ALLE PERE E GOJI


Dopo la seconda guerra mondiale, la Francia del nord era disseminata di buchi creati dalle bombe. Gli abitanti del luogo, con resilienza e speranza, ci hanno piantato semi di mirabelles – delle piccole prugne dalla buccia dorata e dolcissima.

La nonna di Erik soleva preparare così il clafoutis con le mirabelles.


Questa è una ricetta che mi ha passato Therese, la madre di Erik, a cui era stata passata dalla sorella gemella, e a sua volta da sua madre. Una ricetta antica, trasmessa tra le generazioni, che ha viaggiato nel tempo e nei luoghi, per finire nella cucina di Ling’s.

La madre di Therese non c’è più da molti anni, ma quando Therese è venuta a trovarmi al ristorante e io le ho servito una fetta di clafoutis, lei ha chiuso per un istante gli occhi. Forse era tornata indietro nel tempo a quando era piccola, al momento in cui sua madre le aveva offerto la stessa fetta di clafoutis.


Forse è anche questo lo scopo del cucinare: ricordare e curare.


Il Clafoutis tradizionale è con le ciliegie snocciolate, questa è la mia versione decisamente rivisitata con le pere e le bacche goji.

Viene benissimo anche con le susine o le albicocche di stagione.


INGREDIENTI

750 kg di pere

70 g di bacche goji

6 uova

190 g zucchero

160 g farina 0

250 g latte di latte caldo

100 g di burro fuso

1 pizzico di sale


PREPARAZIONE

Per prima cosa mettere in ammollo le bacche goji in una ciotola d’acqua.

Montare nella planetaria o anche con una frusta elettrica le uova con lo zucchero, finché non si forma una schiuma bianca e omogenea.

Aggiungere la farina setacciata per bene e continuare sempre a mescolare. Aggiungere il latte caldo. Per ultimo aggiungere il burro fuso a filo. Intanto sbucciare le pere e tagliarle in quadrotti di circa 2.5*2.5 cm. Strizzare bene le bacche goji, che nel mentre si saranno ammorbidite, e aggiungerle al composto.




Imburrare per bene la teglia e infarinare, e infine porvi il composto

Cuocere al forno a 175°C per 35 minuti circa. Fare sempre comunque la prova dello stuzzicadenti, se non rimane nulla d’appiccicato, allora si può spegnere il forno.

Far riposare per almeno un paio d’ore prima di servirla.


Una spolverata di zucchero a velo al momento di servire e il vostro Clafoutis sarà perfetto!


63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

TARTE TATIN

Commentaires


bottom of page